Viaggi e Web 2.0

Home » Viaggi » Isole Canarie, forza della natura a colori

Isole Canarie, forza della natura a colori

Terra rossa e nera circondata da un oceano blu dove l’occhio corre agli spazi incontaminati tra costa ed entroterra. Queste sono le Isole Canarie!

Isole Canarie, forza della natura a colori

Puerto Santiago La Gomera

Le Isole Canarie

Le Isole Canarie sono quello che di più si avvicina ad un altro mondo, dove puoi trovare verdi riserve naturali, spiagge selvagge con dune dorate, la forza dei vulcani e la brezza del vento che soffia.
Un arcipelago di 7 isole dove la forza della natura si esprime in vari colori e forme con particolarità diverse e uniche.

Isole Canarie, forza della natura a colori

Charco de san Lorenzo Gran Canaria

Tenerife, la Isla verde

Isole Canarie, forza della natura a colori

Playa de Benijo

La forza della natura e la sua energia si esprimono attraverso la vegetazione rigogliosa e lussureggiante che popola la parte Nord e del centro, la vera anima di Tenerife.
Il Parco Nazionale del Teide nel centro dell’isola, è una delle meraviglie del mondo fatto di crateri, camini e vulcani, uno su tutti il vulcano Teide.
La montagna più elevata della Spagna, ha 3000 anni di storia sulle sue pareti e la sua particolarità è data dalla sua conformazione di strato vulcano che permette di riconoscere le fasi evolutive della Terra.
Il Teide è anche la cima più alta dell’Atlantico che come un faro maestoso, colmo di lava e rocce millenarie che riempiono la grande caldera di Las Cañadas.

Lanzarote, la perla nera delle Isole Canarie

Lanzarote e il suo fascino

Puerto del Carmen

Lanzarote è la forza della vita che erutta dai suoi mille vulcani. La sua ghiaia nera non da tristezza ma anzi sprigiona qualcosa di magico che attrae.
Il suo fascino dato dall’entroterra di sabbia e roccia nera e dal mare splendido che la bagna ha qualcosa di extra-terreno.
E infatti Timanfaya può essere considerato il parco nazionale dell’isola più “marziana” delle Canarie.
Le prove generali dell’emozionante atterraggio della sonda Perseverance su Marte, la Nasa e l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) hanno scelto il terreno vulcanico del Parco Nazionale di Timanfaya.
Lanzarote e Marte hanno molte similitudini, a partire dall’origine vulcanica e anche le sembianze come rocce e minerali sono molto simili.

5 posti da scoprire nel loro fascino misterioso?
– La Geria e le viti sulle ceneri
– I colori pastello del sale
– Le grotte di lava di Los Hervideros
– Charco Los Clicos: laguna verde e spiaggia nera
– La vista mozzafiato dal Mirador del Rio.

Fuerteventura, l’isola del vento

Isole Canarie, forza della natura a colori

El Cotillo

Fresca e chiara come la brezza che si posa sulle sue coste, Fuerteventura è la più selvaggia delle Isole canarie.
Ma il vento rinfresca un cuore caldo fatto di dune dorate come il Parco Naturale di Las Dunas, poco distante da Corralejo, nel nord dell’isola. Le bianche spiagge si distendono al cospetto della forza delle onde, dove surfisti da tutto il mondo cercano l’onda perfetta.
Da visitare è sicuramente il villaggio di pescatori El Cotillo e poco distante la Playa d’Escalera,dove una scalinata di roccia ti porta in una delle spiagge con il panorama più emozionante di Fuerte.
Se il Nord è terra di surfisti, l’oceano del Sud è punteggiato dalle vele del windsurf e dai kitesurfers, come nella Playa Sotavento.
Nella penisola di Jandia, c’è Playa de Cofete, considerata insieme a Playa d’Escalera, una delle più suggestive dell’isola per la sua natura incontaminata.

Gran Canaria, l’isola multicolore

Gran Canaria continente in miniatura

Playa del Ingles

Gran Canaria è chiamata anche “continente in miniatura” per i suoi panorami variegati, i tanti colori e i diversi climi. Seconda per grandezza dopo Tenerife, si trova proprio al centro dell’arcipelago delle Canarie.
E’ un’isola dalle mille bellezze con coste mozzafiato, contornate da montagne imponenti. Come tutte le isole Canarie è di origine vulcanica. Le depressioni vulcaniche più belle sono quelli di Tirajana e di Tejeda e il più maestoso è di certo è Bandama, con un cono del diametro di ben 1200 metri.

Qui, come in tutto l’arcipelago c’è un’antica tradizione legata alle montagne di origine vulcanica: il salto del pastore.
In passato i pastori, per facilitare gli spostamenti tra una montagna e l’altra utilizzavano un lungo bastone come asta per “rimbalzare” da un luogo all’altro. Oggi la tradizione si ripete per divertirsi, con un pizzico di adrenalina, e riconquistare un senso di libertà in mezzo alla natura.
Il “salto del pastore” è un’esperienza insolita rilanciata da un gruppo di appassionati locali che mettono a disposizione la loro arte anche ai turisti che vogliono conoscere la tradizione e provarlo in prima persona.

A Gran Canaria ci sono moltissimi luoghi particolari da visitare come il più grande acquario naturale a Las Canteras, a pochi metri dalla capitale, Las Palmas. Una spiaggia lunga chilometri attraversata da una barriera naturale di pietra e coralli. 

El Hierro, l’isola del ferro

Isole Canarie, forza della natura a colori

Playa el verodal

È chiamata a che l’isola del Meridiano dato che vi passava il meridiano fondamentale nell’antichità, detto appunto “meridiano di ferro”.
La più piccola delle Isole Canarie (solo 50 km), ma la più giovane e brulicante di vita. Si pensa alle Canarie come isole aride ma all’interno, grazie alle diverse conformazioni si formano microclimi unici.
El Hierro si snoda su un dislivello totale è di 1500 metri tra zone aride, semi aride e umide. Nella zona più verde, mille colori di uccelli, rettili e piante rigogliose animano un ambiente vivido.
L’isola è ricca di contrasti e il paesaggio cambia da parti coperte di vigneti e foreste di pini fino a diventare subtropicale e infine quello quasi arido nella zona del Sud.

La Palma, l’isola verdeazzurra delle Isole Canarie

Isole Canarie, forza della natura a colori

Charco Azul

La Palma, chiamata “isola bella” è un’isola inedita e sorprendente da quanto sia ricca di natura e colori, quasi al pari di Tenerife.
Le sue acque cristalline e una bellezza ancora selvaggia caratterizzano tutte le spiagge dell’isola, come Puerto Naos e Nogales.
Eppure è poco conosciuta come lo sono i suoi boschi verdi nell’interno e i suoi cieli azzurri, tra i più limpidi al mondo.
Essendo in una posizione protetta, è l’ideale per osservare le stelle.
Per “toccare il cielo con un dito” è possibile visitare uno degli osservatori telescopici più completi al mondo: Observatorio Roque de los Muchachos a 2420 m di altitudine.

Gomera, l’isola dei fischi

forza della natura a colori

La Gomera Playa Negra

Il simbolo dell’isola è il siblo gomero, fischio melodioso dei pastori che attraversava i canyon, che mima il verso degli uccelli con cui si può comunicare, anche su lunghissime distanza, fino a quattromila parole.
La Gomera è un labirinto di sentieri (quasi 600 km) che si intrecciano e dall’oceano blu ti portano al centro di una foresta unica nella sua biodiversità.
Un luogo oltre il tempo e lo spazio, Riserva della biosfera Unesco dove la natura è l’elemento che predomina e attrae. L’isola di La Gomera è circondata da aspre scogliere e pareti rocciose e tappezzata da antiche foreste e valli punteggiate da distese di centocinquantamila palme.
Isola dal fascino nascosto, dove Cristoforo Colombo fece tappa nel 1492 prima dell’approdo nelle America, ma molto particolare tutta da scoprire.

Tutte le isole dell’arcipelago delle Canarie sono uniche ma unite dalla forza della natura che si traduce nella forza della terra, dei vulcani, del vento, del cielo e dell’Oceano.

Ph. Ufficio Stampa Isole Canarie

Condividi su:

4 Condivisioni